Guadagnare con Amazon FBA – 3. Come arriva la merce dalla Cina?

Benvenuti alla terza lezione del corso gratuito settimanale Guadagnare con Amazon FBA. Oggi vi daremo alcune dritte su come scegliere lo spedizioniere giusto, come risparmiare soldi nelle spedizioni dalla Cina ed evitare spiacevoli esperienze.

Nel caso non avessi letto la prima lezione dove spieghiamo come si può procedere nella ricerca del prodotto giusto da vendere su Amazon tramite il programma Amazon FBA, vai qui, se invece ti fossi perso la seconda lezione sulla scelta del fornitore perfetto, la trovi qui.

Bene, ora che siamo tutti allo stesso punto, è ora di capire come funzionano le spedizioni dalla Cina all’Italia.

Fondamentale: controllate bene i preventivi

Ogni volta che chiederemo un preventivo allo spedizioniere, cerchiamo di essere il più esaustivi possibile. Dobbiamo comunicargli, nell’ordine:

  1. che metodo di spedizione preferiamo (nave o aereo, ora c’è anche il treno)
  2. Se vogliamo la merce franco fornitore (EXW) o se ce la facciamo portare al porto di partenza dal nostro fornitore (FAS) o addirittura in Italia (DDP). Ogni tipo di spedizione ha un nome specifico, tipo FOB, EXW, etc… quindi fate molta attenzione a specificare quello che volete voi e soprattutto che i vari spedizionieri contattati vi diano un preventivo che preveda lo stesso identico servizio.
  3. Il porto di destinazione che abbiamo scelto.
  4. Richiediamo che ogni preventivo sia scomposto nelle varie voci di costo così che possiamo individuare eventuali anomalie ma anche voci specifiche sulle quali negoziare. Dobbiamo veder specificati i service fees, gli shipping charges, i documentation fees ed infine i pickup and delivery charges. Li riportiamo in inglese in quanto è la lingua franca che dovrete per forza utilizzare nelle trattative. 
  5. Le dimensioni ed il peso.

Come avrete notato, la materia è abbastanza ostica. Il rischio maggiore è di scegliere uno spedizioniere basandosi solo sul prezzo e sulla presunta semplicità di gestione del trasporto, per poi scoprire che nel servizio non era compreso lo sdoganamento. A questo punto, ci troveremmo con lo spedizioniere (poco corretto) che tiene in ostaggio la nostra merce e che ci chiede somme ulteriori per svolgere un servizio per noi essenziale e che ritenevamo essere compreso nel prezzo. Il caso appena descritto, purtroppo, non è poi così raro, quindi, ribadiamo, molta attenzione a preventivi cumulativi ed a preventivi nettamente inferiori alla concorrenza più affermata.

Ricapitolando

  1. essere il più espliciti possibile riguardo al servizio richiesto nelle nostre richieste di preventivo;
  2. contattare almeno 3 spedizionieri diversi;
  3. usare gli stessi ed identici parametri nei vari preventivi richiesti così che siano comparabili tra loro;
  4. richiedere che i preventivi siano scomposti nei singoli servizi sempre nell’ottica della migliore comparazione;
  5. una volta ottenuti preventivi esaurienti e comparabili, utilizziamoli per negoziare condizioni migliori allo spedizioniere che ci ha fatto la migliore impressione.

In conclusione

Il consiglio che possiamo darvi per cominciare a conoscere il periglioso mondo dei trasporti internazionali è quello di affidarvi ad uno spedizioniere conosciuto. Il tempo delle avventure verrà poi, quando avrete più competenze e saprete come muovervi. Inoltre, soprattutto per i primi ordini da un nuovo fornitore, anche se questo vi offrisse di consegnarvi le merci direttamente nei magazzini Amazon, voi optate comunque per la consegna EXW, cioè presso i magazzini del fornitore. Sarà poi lo spedizioniere (affidabile) che voi avete scelto ad andare a prendere la merce ed a consegnarvela in Italia. Ci sarà sempre tempo, un domani, per mettere alla prova il fornitore ed eventualmente affidargli anche la gestione della spedizione.

Antonio Vida - Vincere su Amazon

Se ti è piaciuto, condividilo...